Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano stati occupati

Categoria: Comunicati Stampa Pubblicato: Martedì, 07 Agosto 2018 Scritto da Comitato FuoriPISTA Stampa Email

 

 

La Società Aeroporti di Roma, non contenta di aver presentato nel 2014 Ricorso al TAR Lazio contro la Riperimetrazione della Riserva, giorni orsono (anziché sollecitare la discussione del proprio Ricorso) ha depositato una Memoria aggiuntiva, ovvero un “intervento ad adiuvandum” all’istanza contro la Riperimetrazione già presentata da ENAC al Presidente della Repubblica.

  Il contenuto della Memoria è un insieme di furbizie dialettiche e paradossi (come quando attribuisce la  stessa riperimetrazione allo scopo di favorire “iniziative private”: come se AdR non fosse una SpA, cioé una  società privata che gestisce in concessione un bene pubblico (e forse anche, con il Raddoppio, con qualche  conflitto di interessi). 

E di alcune gravi “dimenticanze”. 

- si dimentica che il Raddoppio prevede l’invasione di una parte della Zona 1 della Riserva (totalmente  inedificabile) anche prima delle modifiche apportate dal contestato Decreto di Riperimetrazione, oltre che  a svilupparsi pressoché integralmente in Zona 2 della Riserva (dove sono possibili sì parziali interventi,  sempre però funzionali alla Riserva stessa!). Non e` che nella Zona 2 si possa edificare un quartiere  residenziale o men che mai un nuovo aeroporto con addirittura 2 nuove piste e una nuova aerostazione!

Del resto ENAC ha riconosciuto nei documenti presentati al Ministero dell’Ambiente per l’ottenimento della  VIA sul progetto della quarta pista e della nuova aerostazione che la zona 1 e 2 della Riserva erano  preesistenti sin dalla sua istituzione nel1 996. 

- viene ricordata la richiesta di togliere il vincolo della Riserva sui 1300 ettari, di cui 900 di proprietà della  Società Maccarese, avanzata da una lettera della allora Presidente della Regione Lazio On. Polverini, ma si  dimentica che, successivamente, questa è stata sconfessata da un avverso parere della Commissione di  Riserva ed infine totalmente sepolta dalla Delibera di Giunta Regionale n. 305/2013. 

- si sostiene che con l’ampliamento della zona 1 aumenta il pericolo derivante dalla presenza di volatili ma si  dimentica che questo evento è stato confutato dall’ISPRA stessa nella sua Relazione del 2016. Viene da  pensare che secondo AdR i volatili di Maccarese abbiano una intelligenza fenomenale capace di riconoscere  se una porzione di terreno passa da zona 2 a zona 1! 

Ci auguriamo che all’atto del giudizio la natura di queste e di altre vistose incongruenze siano prese in  considerazione così come il chiaro orientamento di contrarietà al Raddoppio espresso a suo tempo dal  Comune di Fiumicino e dei pareri contrari formulati recentemente dalla Regione Lazio e dalla Presidenza del  Consiglio dei Ministri del precedente Governo su richiesta dello stesso Consiglio di Stato che ha in carico  l’intero procedimento.

Riteniamo sia arrivato il momento che il Ministero delle Infrastrutture, guidato dall’on. Toninelli, apra un  confronto democratico e partecipativo con la popolazione e le istituzioni per affrontare il problema del Raddoppio dell’aeroporto e che convochi una riunione congiunta con ENAC ed ENAV per esaminare il  Progetto alternativo elaborato dal Comitato FuoriPISTA, dando così nel contempo attuazione all’OdG votato  recentemente alla unanimità dal Senato della Repubblica.

Chiediamo inoltre che, In coerenza con quanto scritto nel suo programma elettorale, e alla luce delle  mozioni presentate rispettivamente dai consiglieri del M5S e del PD, il Presidente Zingaretti rivendichi con  forza la necessità di un aeroporto di sostegno a quello di Fiumicino dove trasferire i voli low cost.

Come sempre, il Comitato FuoriPISTA continuerà a vigilare sull’intera vicenda, a informare i cittadini e a  manifestare pubblicamente contro la inutile speculazione e distruzione del territorio e della sua economia  agricola e turistica.

Visite: 45