Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Piano di Investimenti aeroportuali: Sì alla Quarta Pista

Categoria: Comunicati Stampa Pubblicato: Sabato, 20 Maggio 2017 Scritto da Comitato FuoriPISTA Stampa Email

Incontro tra Ministero delle Infrastrutture con ENAC e AdR

 

Del Rio, ministro delle Infrastrutture non ha resistito alla tentazione di far vedere che anche lui è “uomo del fare”: costi quel che costi , aggiungiamo noi del Comitato FuoriPista e cittadini di questa Italia derelitta.

E’successo il 18 maggio scorso, nel corso di un incontro al Ministero delle Infrastrutture tra il suddetto Ministro, Riggio,presidente di ENAC, Castelluci, AD di Atlantia ed i capi delle aziende che gestiscono gli aeroporti di Milano e Venezia sul piano di investimenti per gli aeroporti.

 

Nel pieno della crisi Alitalia - che potrebbe compromettere definitivamente l’hub intercontinentale di Fiumicino trasformandolo in un mega aeroporto per le low cost - e soprattutto quando la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) del Raddoppio (nuova 4° pista ed una nuova aerostazione) è appena all’inizio, Del Rio dà per scontato l’approvazione del progetto. Riteniamo che il Ministro nel pubblicizzare gli investimenti futuri, ha inteso anche lanciare un messaggio intimidatorio nei confronti dei componenti della Commissione della VIA nominati dal Ministero dell’Ambiente.

Fidandoci delle parole dello stesso Ministro, che in occasione di una sua venuta a Fiumicino, aveva assicurato che in merito all’ampliamento dell’aeroporto i cittadini sarebbero stati ascoltati e interpellati - evento peraltro che non si è mai realizzato – e in seguito ai ripetuti incontri da noi avuti con lo staff del Ministro, con ENAV e persino con ADR, ritenevamo che le nostre argomentazioni sarebbero state almeno seriamente valutate: evidentemente – e ancora una volta - agli impegni presi non sono seguiti i fatti.

Con ogni probabilità è successo che al Ministero – ma anche a AdR e e ENAV – si devono essere resi conto che non sarebbe stato possibile smontare così facilmente il Progetto alternativo del Comitato FuoriPISTA, fatto proprio dal Comune di Fiumicino, e che forse era meglio procedere ignorandolo.

Cosa hanno da dire Regione Lazio e Comune di Fiumicino per il trattamento che il Ministro riserva Istituzioni pubbliche teritoriali – che stanno preparando le Osservazioni alla VIA di ferma contrarietà alla proposta ENAC/AdR di raddoppio dell’aeroporto?

Come si permette il Ministro di dare per acquisita la VIA, ancora prima che la Commissione preposta prenda visione del Progetto presentato da Enac, delle Osservazioni dei cittadini e soprattutto delle Osservazioni della Regione e dei Comuni, che sono organi istituzionalmente preposti e con i quali dovrebbe essere rispettato il principio della leale collaborazione?

Visite: 72

Add comment

Security code Refresh